Solido rifugio

C’è un esserino che, nel corso della vita, si rintana spesso in casa.
Ha costruito la casa lui stesso, utilizzando vecchi vestiti, giochi ed ogni altro oggetto gli sia stato utile in passato. Li ha modellati col pensiero dei propri sogni e ha usato come cemento gli insegnamenti appresi da varie esperienze.
Tra un’esperienza e l’altra l’esserino si rintana, osservando le novità che cercano di entrare. Alcune sono frecce che vogliono ferirlo: dovrà imparare a combatterle e dopo averle spezzate potrà usarle per rendere la casa ancora più solida. Altre sono bastoni che bussano alla porta: se li accoglierà diventeranno buoni sostegni per camminare verso nuovi sogni.

Qualcuno dirà che l’esserino perde troppo tempo a pensare. Io credo ci siano due modi di farlo: c’è chi riflette (spesso utile) e chi rimugina (sempre dannoso). C’è una bella differenza, no? Chi ha tempo da perdere… ci pensi su!

Arrivederci al prossimo post tra realtà e fantasia!

Anna

P.S. L’immagine di questo post fa parte di una mia storia che, più o meno, parla di quello che ho raccontato qua sopra.

14 risposte a "Solido rifugio"

Add yours

  1. Alla metafora del rifugio, sicuramente cara ad ogni montanaro, possiamo aggiungere quella di Schiller sul sentiero.

    Infinito sotto di me vedo l'etere, e sopra infinito,
    guardo in su con vertigine, in giù con timore.
    Ma tra l'eterna altezza e il baratro eterno
    un sentiero protetto accompagna sicuro il viandante.

    ciao a presto sui ns Blog

    Mi piace

  2. Grazie 1000BOLLE, sono davvero felice che vi sia piaciuta! 😀

    FATA BISLACCA: beh sì, direi che è abbastanza autobiografico… anche se un pizzico di fantasia si infila automaticamente! Come nelle storie di fantasia ci infilo sempre un appiglio alla realtà.
    Un abbraccione e se anche in Svizzera c'è il sole ci aspetta un buon week end!

    Mi piace

  3. Alfa: a me piace un sacco. Modestamente! Ma c'è ancora qualche punto da sistemare, poi chissà…

    Ty: e beh, non potrebbe essere altrimenti!

    Errante: per un “errante” ci vuole un pratico rifugio da viaggio… per fortuna un rifugio mentale è facile da portare con se!

    Mi piace

  4. Le tue sono storie piacevoli da leggere e ottime per riflettere e, senza rimuginare, dico che come sempre la verità sta nel mezzo: riflettere va bene, ma talvolta riflettere troppo a lungo può farci perdere qualcosa o qualcuno e può , il più delle volte, risultare dannoso.
    E dopo questi pensierini profondi della notte, concludo e ti lascio un :o)

    Mi piace

  5. riflettere è produttivo ed è utile farlo prima di commettere errori…
    rimuginare, invece, mi sa di perdere tempo a pensare agli errori già commessi e non sempre è possibile tornare sui propri passi 😉

    buon proseguimento

    ^______________^

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: