Non è tutto oro quel che luccica

“Non è tutto oro quel che luccica” non è sempre una considerazione negativa.

Nel post Dalie, cicoria, manie e ritagli avevo accennato al mio istinto “ricicloso” e un dettaglio che non avevo precisato è che i miei ritagli hanno disparate derivazioni, quindi possono avere qualità pregiata, standard o addirittura scarsa: se vedo legnetti e cartoncini penso subito che potrei dipingervi sopra ed alcuni riutilizzi sono, mi pare, una questione di intelligenza. Non di rado si tratta di “recupero al quadrato”!

Ad esempio: per impaginare opere si usano i passepartout e trovo gradevole per tale scopo il colore interno delle confezioni di un prodotto che acquisto spesso, ho così iniziato ad usarle per impaginare i miei piccoli dipinti, così che siano ordinatamente archiviati (e comodi da far sfogliare agli interessati). Non sarebbe sciocco spendere tempo e soldi per procurarmi cartoncini specifici se quel che ho sottomano è progettato per altro ma è comunque idoneo?

Non è detto che con materiali umili non si possa far bene: una buona manualità permette risultati armoniosi anche con quelli poco tecnici (sapendoli riconoscere come adatti o, entro certi limiti, domare) ed è vero anche l’opposto: munirsi di materiali di alta qualità non garantisce migliori performance: alcuni sono prestanti solo se gestiti con abilità ed esperienza.

C’è chi ricicla selvaggiamente e chi investe ogni briciola di tempo e soldi nella ricerca di materiali professionali: ogni creatore ha le proprie inclinazioni, preferenze, abitudini ed obiettivi. C’è chi come me ondeggia da una direzione all’altra, seguendo ogni volta stimoli, esigenze e possibilità (economiche e pratiche) differenti.

Ops… non so più perché ho iniziato a scrivere. A cosa portano queste chiacchiere? Forse possono suggerire che il valore di un’opera deve includere più aspetti. Innanzitutto il risultato: il valore artistico-espressivo, quel che colpisce esteticamente, emotivamente, simbolicamente ma non si deve ignorare il valore tecnico-artistico, ricavato dal capire i materiali, la destrezza, le dinamiche che hanno portato a quel risultato.

Forse sono pensieri scontati ma mi vagavano per la testa e scrivendoli li ho fissati meglio. E tu, hai trovato qualche spunto? Se no, spero di stuzzicarti meglio le idee la prossima volta. In ogni caso, arrivederci al prossimo post tra realtà e fantasia!

Anna

Per info su qualsiasi opera contattami, sarò lieta di risponderti, senza impegno.

6 risposte a "Non è tutto oro quel che luccica"

Add yours

    1. Nella carissima, la rosa è solo un appunto, frutto dell’osservazione di opere altrui, ma sicuramente è una piccola dimostrazione d’ingegno: la capacità di prendere spunti da quel che ci circonda. Fondamentale sia per creare immagini che per impaginarle, sia nell’arte che nell’artigianato… e a dire il vero in ogni attività, mi sa.
      Baci di buona settimana!

      "Mi piace"

  1. Jo penso que es una bona opció la teva. No tant sols fas la teva creació artística, sinó que a més, trobes de donar-li la presentació adequada. Tot un joc creatiu molt enriquidor !. Felicitats !!

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: