Blue Daze, tra i fiori di Novella

Poco tempo fa ho allestito una piccola mostra (grazie a Francesca che mi ha invitata ed ospitata, durante l’evento “luinon2018“, ad esporre nella corte del suo bar “I segreti del caffè“) e ci tenevo ad aggiungere un nuovo piccolo dipinto in sintonia con gli altri degli ultimi tempi; pare incredibile ma nessuno dei tanti scarabocchi e ritagli appuntati nel corso degli anni sapeva darmi lo slancio giusto. Dove cercare nuovi spunti? Tra le foto di qualche amico appassionato di piante, ovviamente! La scorsa volta mi ha ispirata Giovanni (clicca Un campo una sera), quella prima Gabriele (clicca Fili e luci in giardino) e stavolta sono andata a curiosare tra le foto di Novella.

Sono subito andata a cercare sul suo blog (clic QUI) ma è sulla sua pagina facebook (clic QUI) che ultimamente è più attiva ed è lì che un’immagine ha subito attirato la mia attenzione: una delle foto che Novella ha fatto ad un Evolvolus glomeratus “blue daze”, davvero un meraviglioso “stordimento blu”! 

La foto mi ha stuzzicata e la didascalia mi ha coinvolta: Novella ha acquistato questa piantina senza conoscerla, semplicemente spinta dalla passione per i fiori blu e azzurri ed una volta a casa ha fatto ricerche, perché il nome indicato sul cartellino non la convinceva… in effetti era sbagliato o quantomeno poco preciso. Anche a me è capitato di fare ricerche floreali a causa di cartellini errati e questo dettaglio ha creato nella mia testa un sottile legame tra me, lei e la sua piantina. Certo, è solo un dettaglio e qualcosa che sarà successo a molti… ma io adoro lasciarmi coinvolgere dalle piccolezze, non lo sapevate?

Per i più curiosi, ecco qualche notizia in più (anch’io ho un po’ indagato): questo fiore è della famiglia delle Convolvulaceae, termine che richiama il loro avvolgersi attorno altre piante, muretti, o altri supporti; il genere di questa si chiama però Evolvulus glomeratus: “evolvolus” perché a differenza di tante sue parenti non si convolve ma si evolve, allungandosi senza avvinghiarsi ad altro e “glomeratus” perché i fiori sono agglomerati all’apice dei rami. “Blue daze” è una precisazione poco scientifica ma sicuramente efficace e spesso questa pianta viene chiamata semplicemente così. Ecco quindi l’Evolvolus glomeratus “blu daze”.

Mi pare d’aver raccontato tutto: perché avevo voglia di dipingere, come è arrivato lo spunto, cosa ho scoperto approfondendolo… ora non mi resta che darvi l’arrivederci al prossimo post tra realtà e fantasia!

Anna

Blue Daze“, acrilico su legno, 8,5×13 cm circa, non disponibile.
Per info su opere, acquisti e commissioni contattami (senza impegno), sarò lieta di risponderti.

5 risposte a "Blue Daze, tra i fiori di Novella"

Add yours

  1. penso sempre che i dettagli più insignificanti a prima vista possano infine darci la soluzione della vera pianta o fiore o altro che ad una prima occhiata sembra insignificante.
    Tu ci hai dato un chiaro esempio di una ricerca fata con accuratezza e curiosità nominandola nella giusta forma e facendola conoscere ai meno esperti come me. Che anch’io l’abbia in giardino? aspettiamo la fioritura.
    Bacio grande

    Piace a 1 persona

    1. Ciao Novella! Sospetto (ma non ne so più di tanto, magari sbaglio!) che sia un fiore non troppo spontaneo, se non ce lo metti tu difficilmente spunterà proprio lì… ma se accadesse sarebbe una deliziosa sorpresa! O magari cercando quello scoprirai un altro delizioso fiorellino che non avevi mai notato prima. 🌼😁🌼 Un bacione a te!

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: